Quando partire e come arrivare

Qual è il periodo migliore per visitare Zanzibar?

Data la presenza di monsoni ciclici, il primo nei mesi tra Aprile e Novembre (monsone da sud-est) ed il secondo nei mesi tra Dicembre e Marzo (monsone da nord-ovest), il periodo ideale per recarsi nell’arcipelago è quello compreso tra Giugno e Ottobre. In questo lasso di tempo la stagione delle piogge dà una tregua all’isola e le giornate si fanno più temperate e meno umide. Questo non significa che il tempo sarà sempre bello, c’è sempre una remota possibilità di acquazzoni e pioggia, anche se di norma la stagione secca è quella più adatta per il turismo sull’isola.

Considerate però che oltre a controllare le temperature e le condizioni climatiche dell’isola dovete tenere a mente le ragioni che vi spingono a visitare Zanzibar. Il clima tropicale, infatti, fa sì che, a causa di condizioni meteorologiche molto variabili ed eterogenee, Zanzibar cambi letteralmente aspetto da una stagione all’altra.

Per esempio, se il vostro obiettivo è trascorrere una vacanza il spiaggia, a base di sole e mare, il periodo migliore dell’anno per andare a Zanzibar è certamente una delle duestagioni secche: quindi da dicembre a febbraio oppure da giugno a settembre. Questi sono i mesi in cui piove meno e c’è il sole praticamente tutti i giorni.

Se, invece, il vostro obiettivo è quello di dedicarvi ad escursioni e gite nella natura, per ammirare Zanzibar al suo meglio sarebbe consigliabile visitare l’isola durante le stagioni umide. Ebbene sì: quando il clima è più umido, cioè tra marzo e maggio oppure tra ottobre e novembre, la natura di Zanzibar si risveglia e la vegetazione è più rigogliosa che mai.

In linea generale, comunque, cercate di evitare di andare a Zanzibar nei mesi in cui piove di più, cioè febbraio, marzo e aprile. Maggio è un buon compromesso, perché le piogge non sono troppo abbondanti da rovinarvi la vacanza ma le temperature sono piacevoli. Proprio a maggio la natura si trasforma, rendendo Zanzibar un vero paradiso per gli appassionati di piante, animali e scenari mozzafiato.

Ricordate, inoltre, che tutta la parte occidentale dell’isola (zona che ospita anche Stone Town) è più soggetta a precipitazioni piovose e ad un clima di tipo umido-piovoso mentre la parte orientale di Zanzibar è più secca e arida. La conformazione geografica di Zanzibar va sempre tenuta a mente se state stilando un itinerario delle cose da fare e da vedere.

Come arrivare a Zanzibar?

Raggiungere Zanzibar dall’Italia non è troppo complicato, in primo luogo perché, essendo questa una meta molto gettonata tra i nostri connazionali, sono stati predisposti molti voli per tale destinazione, e in secondo luogo perché oggigiorno le località turistiche più rinomate fanno di tutto per attirare turisti e viaggiatori, spesso offrendo loro sconti e pacchetti vacanze molto vantaggiosi.

Tra le compagnie aeree che si occupano di voli charter dall’Italia verso Zanzibar ci sono la Neos (che copre Milano, Roma, Verona e Bologna) e la Blue Panorama (che copre Milano, Roma e Bologna). Nel primo caso il viaggio sarà diretto, per un totale di 9 ore in volo ed atterraggio a Zanzibar. Nel secondo sono previsti degli scali, a seconda del volo prescelto.

Per chi vuole risparmiare qualcosa consigliamo di scegliere delle rotte alternative per raggiungere Zanzibar. Per esempio partendo da Mombasa, Nairobi o Dar es Salaam sono disponibili dei traghetti abbastanza economici verso Zanzibar. Le compagnie in questione sono Azam Marine, Sea Express e Sea Star.

Allo stesso tempo ci sono anche dei voli locali offerti dalle compagnie (africane e non) che coprono la rotta verso Zanzibar. Tra queste ci sono Kenya Airways, Air Tanzania, Kili Air, Precision Air, Tanzanair e così via.

Per quanto riguarda i voli Charter dall’Italia la compagnia aerea Neos, in partenza da Milano Malpensa, Roma, Bologna e Verona, offre interessanti possibilità ad un prezzo relativamente contenuto. I voli sono diretti ed atterrano proprio a Zanzibar, dopo un volo della durata di circa 9 ore.

Lo stesso tipo di servizio è offerto anche dalla compagnia Blue Panorama, in partenza, però, solo da Milano, Roma e Bologna. In alternativa Zanzibar è raggiungibile utilizzando dei voli con scalo.

Partendo da Mombasa, Nairobi o Dar es Salaam potete raggiungere l’isola di Zanzibar con i Ferry Boat delle compagnie Azam Marine, Sea Express e Sea Star, oppure con i voli locali delle compagnie Kenya Airways, Precision Air, Air Tanzania, Kili Air, Tanzanair ed altre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>