Stone Town

L’Unesco (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) nel 2000 ha inserito Stone Town, Capitale di Zanzibar, nel prestigioso elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità. Questo riconoscimento è dovuto all’importanza storica, artistica ed architettonica di quella che un tempo era una delle più importanti città africane nell’ambito del commercio tra Oriente ed Occidente.

Stone Town, anche conosciuta come Mji Mkongwe (in Swahili: “città vecchia”), è la parte antica di Zanzibar City e si trova sull’isola di Unguja (alla quale ci si riferisce spesso semplicemente con il nome di Zanzibar). La città è uno dei massimi esempi di città costiera Swahili.

Data la sua antica funzione di porto commerciale, Stone Town presenta un assetto architettonico nato e plasmato nel corso dei secoli dalla compresenza di culture e popoli diversi. Le sue architetture, in gran parte riconducibili al XIX secolo, riflettono questa convergenza storica e culturale e la esplicitano grazie alla presenza di elementi Swahili, Arabi, Persiani, Indiani ed Europei.

Le attrazioni turistiche da non perdere a Stone Town sono numerose. C’è per esempio il cosiddetto “Palazzo delle meraviglie”, o “Beit-al-Ajaib”, che attualmente ospita il “Museo della cultura Zanzibari e Swahili” ma che in passato fu residenza ufficiale del Sultano che regnava sul Paese.

Beit al Ajaib

Foto CC-BY-SA di mwanasimba

Proprio nei pressi del Palazzo ci sono anche il Forte della città, o “Ngome Kongwe”, risalente al XVII secolo, il Palazzo del Sultano e le due Cattedrali di Stone Town (una cattolica e una anglicana).

Se vi piace il genere, consigliamo anche una gita ai Bagni Persiani, costruiti nel XIX secolo per volere dei Sultano Barghash bin Said. Altri due luoghi caratteristici che vale la pena vedere dal vivo sono il mercato di Darajani ed i Giardini di Forodhani.

Ci sono tantissimi motivi per visitare Stone Town, qua ne indichiamo alcuni, certi che dopo una vacanza in questo paradiso chiunque ne potrà aggiungere di nuovi.
1 Lo shopping

I vicoli alla rinfusa di Stone Town, sull’isola di Zanzibar nascondono, dietro le molte porte, commercianti e artigiani che vendono di tutto, dalle casse di legno intagliato ai tessuti indiani per l’ abbigliamento alle spezie. Moto & Dada  è  una cooperativa che vende oggetti fatti a mano a sostegno delle donne di Zanzibar, si possono trovare cesti intrecciati a mano, parei colorati e creme per il corpo aromatiche con spezie indigene.

2 Le porte

La grandiosità delle porte intagliate di Stone Town vi stupirà. Molte di queste sono costellate di punte in ottone e incise con scene del corano. Le porte di ogni casa indicavano la ricchezza e lo status sociale del proprietario.

3 Il panorama

Vagare senza meta nei grovigli di vicoli  di Stone Town è uno dei piaceri dell’isola ma anche vedere la città dall’alto è un vero piacere. Il Tower Restaurant Top è il miglior punto di osservazione della città , nel ristorante , che viene addobbato con travi in legno , tappeti persiani e tende di seta fluttuanti , si ci può rilassare sui cuscini sorseggiando una birra fredda ed ascoltando musica dal vivo mentre si osserva il tramonto .

4 La musica

La colonna sonora di Zanzibar è il taarab , un mix inquietante di poesia classica Swahili , ritmo percussivo e melodia , con influenze provenienti dal Medio Oriente , India, Africa ed Occidente . Uno dei posti migliori per comprendere il  taarab e altri stili di musica di Zanzibar è al Dhow Paesi Music Academy, un grande edificio sul lungomare Mizingani .

5 Soggiornare in un vero palazzo

Quando Zanzibar era governata dall’impero dell’Oman , Mashariki Palace fu il domicilio del consigliere religioso del sultano. Nel corso degli anni , l’antico palazzo cadde in uno stato di abbandono abissale , ma da allora è stato salvato da un investitore italiano ed p stato  notevolmente restaurato. Oggi è un hotel di 18 camere con soffitti in pietra alti, stucchi e favolosi letti arbabi con balfacchino ed intagliati. Le spesse mura di pietra bianca creano un raffreddamento naturale, che è un sollievo dall’ umidità appiccicosa di Stone Town . masharikipalacehotel.com .

6 Il mercato notturno

La sera sul lungomare , il mercato è un mix chiassoso di colore , di  rumore e di odori . I venditori friggono spiedini di pesce alla brace o nyama (carne) cotta sulla brace. Il succo di canna da zucchero appena pressato profuma l’aria, mentre una pizza Zanzibar è la risposta dell’isola al kebab.

Stone Town Zanzibar

Stone Town Zanzibar

Foto CC BY di David Berkowitz

7 I libri d’Africa

Ci sono un sacco di librerie di seconda mano disseminate intorno ai vicoli di Stone Town. Idea romanzo è il genere di libreria per trascorrere del tempo cercando libri su Zanzibar e sulla  cucina locale e racconti avventurosi di esploratori come David Livingstone.

8 Le spezie

Le spezie sono la linfa vitale delle isole di Zanzibar e una visita guidata di una piantagione offre uno sguardo affascinante sulla coltivazione della cannella, dei chiodi di garofano, della noce moscata. Big Body & Tatata Spice Farm è una delle tante piantagioni che offrono escursioni.

9 Il caffè

Le spezie sono intrinseche alla cultura di Zanzibar ma anche il caffè ( kahwa ) è altrettanto vitale. Zanzibar Coffee House sorge all’interno di un antico palazzo arabo molto suggestivo ed atmosferico. Il caffè qui è di prim’ordine e viene prodotto da un team di Zanzibar tutto al femminile..

10 Il cocktail Dawa

Ci si imbatte nel Dawa in tutta l’Africa orientale . E ‘un cocktail mescolato con gin locale Konyagi o vodka e miele, e si degusta al meglio al di fuori di Africa House , una residenza reale – trasformata in un hotel.. Si può  trovare un posto all’aperto presso il bar di ispirazione coloniale Sunset Bar, che ha una generosa terrazza che si affaccia sull’Oceano Indiano . Guardare il sole scende nel mare sorseggiando un Dawa è un magnifico modo per terminare una giornata . africahousehotel.com .

11 Il Kangas

Le facciate fatiscenti di Stone Town si rallegrando di colore  ogni volta che una donna Zanzibari vestita in un kanga passeggia nei pressi. Questi indumenti in cotone sfoggiano disegni vivaci che vengono tradizionalmente impressi con un ” methali ”  (proverbio Swahili), che di solito è un lamento enigmatico di amore , relazioni ed opinione politica di chi lo indossa . È possibile acquistare un Kangas , insieme a caftani , abiti e pantaloni , in un piccolo negozio chiamato Upendo che significa amore, che aiuta le donne musulmane e cristiane ad imparare il cucito ed a raggiungere l’ indipendenza economica .

12 La bellezza

A Zanzibar le donne sanno bene come utilizzare le spezie dell’isola per la medicina e per la bellezza. Il curcuma , per esempio cura l’acne. Ma ogni spezia ha una precisa indicazione curativa e di bellezza. Per una bellezza naturale.

13 La cucina Swahili

Pesce fresco, curry di pesce piccante e tanto altro, c’è molto da amare sulla cucina Swahili . Anche se non si ha la passione per i corsi di cucina  vale comunque la pena provare a seguirne uno, anche perché la maggior parte dei corsi si svolgono all’interno delle case di Zanzibar e sono di solito accopagnate a visite a fattorie e mercati. L’esperienza nel contrattare con i pescivendoli è memorabile . Per provare l’autentica cucina di Zanzibar consigliamo Sambusa, un ristorante rustico a gestione famigliare.

Stone Town

Stone Town

 

Foto CC BY di Kyle Taylor

14 Il Lazuli cafe

Al Lazuli cafè, che è sito su Shangani Street si trova un ambiente rilassato nel tipico ritmo dell’isola,  dove si possono gustare insalate , piadine , spremute e frullati.

15 La Foresta Jozani

Zanzibar non ha molto in termini di fauna selvatica, ma i suoi più famosi abitanti pelosi sono i colobi rossi. Con le loro facce solcate e le tipiche espressioni con occhi da cerbiatto, queste creature sono carine, tranquille e vagano liberamente nella giungla di Jozani Forest , un parco nazionale facilmente esplorabile.

16 Freddie Mercury

Farrokh Bulsara, alias Freddie Mercury è nato a Zanzibar nel 1946. Freddie ha lasciato Zanzibar da ragazzo ma qui si trova la sua ex casa a Kenyatta Street. La Galleria Zanzibar , ha una placca d’oro sulla parete in suo onore .

17 House of Wonders

Beit al- Ajaib è chiamata la Casa delle Meraviglie perché era il primo edificio sull’isola ad avere elettricità e acqua corrente . Oggi è sede del Museo Nazionale di Zanzibar di Storia e Cultura . Ci sono alcuni reperti meritevoli di visita.

18 Il mercato Slave

Fino al 1873, Zanzibar ha avuto un florido commercio di schiavi . Fino a 30.000 persone all’anno venivano imprigionate in condizioni crudeli prima di essere vendute ad un mercato degli schiavi. Quella che è stata una triste realtà si può rivivere in una visita guidata della cattedrale anglicana , costruita dai missionari britannici sul luogo dove gli schiavi venivano legati e frustati prima di essere venduto . Si può vedere l’interno delle squallide cantine senza finestre sotto terra , dove fino a 75 schiavi venivano tenuti in un senza cibo, senza aria fresca né servizi igienici.

19 Le spiagge

Per quanto ammaliante possa essere Stone Town, dopo pochi giorni si vorrà cercare una spiaggia. Verso nord si trovano tratti idilliaci di sabbia bianca finissima che può scomparire per ore e ore ogni giorno a causa delle maree. Alcune spiagge sono perfette per il  beach volley , altre per fare feste nei  bar durante le notti di  luna piena (come a Kendwa), mentre Matemwe e Pongwe sono romantici angoli di paradiso adatti ai viaggi di nozze. Nungwi, con la sua vasta gamma di capanne, boutique hotel e resort di lusso per tutte le tasche , è vicino ad un villaggio di pescatori ed è quindi adatta a tutti anche a chi cerca il lato pittoresco.

20 Le immersioni

Stone Town non è solo bella da vedere. Ci sono tantissime attività da fare. I subacquei sono innamorati delle acque cristalline di Zanzibar e della ricca vita marina. Fare immersioni a Mnemba Atoll largo della costa nord – est dell’isola , con le sue barriere coralline e i suoi pesci curiosi, è come nuotare in un acquario esotico. Le tartarughe marine e i delfini vengono avvistati regolarmente. Ci sono numerose aziende di immersione affidabili.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>