Kendwa

Kendwa è una delle perle di Zanzibar. Ad appena 60 chilometri dalla città più importante dell’isola, Stone Town, Kendwa si distingue per la grande qualità dei resort e delle strutture ricettive, nonché per l’eccezionale fascino delle sue spiagge.

Kendwa

Foto CC-BY-SA di Kibabe

La costa nord-occidentale dell’isola di Zanzibar, dove si trova Kendwa, è famosa per le sue sabbie candide ma anche per il mare cristallino, ravvivato dai colori delle barriere coralline, dalle mangrovie e dalle palme da cocco, che ne fanno un vero e proprio paradiso terrestre.

Se volete finalmente regalarvi il viaggio a Zanzibar di cui parlate da anni, Kendwa può essere la location ideale per realizzare questo sogno. Vediamo cosa fare e cosa vedere a Kendwa, sull’isola di Zanzibar.

Kendwa: le meraviglie di questo angolo di paradiso

Quello dove si trova Kendwa è l’unico tratto di costa sempre balneabile, a prescindere dalla presenza o meno della bassa marea. Come abbiamo visto per Kiwengwa, infatti, nelle altre aree costiere di Zanzibar bisogna aspettare la fase migliore della marea per fare un tuffo in acqua, per fare snorkeling nella barriera corallina o per godere del panorama migliore. A Kendwa tutto ciò non è necessario: la spiaggia è sempre bellissima ed il mare è perfetto in ogni ora del giorno per fare una nuotata refrigerante.

Kendwa si trova a circa 3 km da Nungwi: durante la bassa marea si può addirittura raggiungere in pochi minuti camminando su una striscia di terra di norma ricoperta dall’acqua. L’alternativa è raggiungere Nungwi via mare con una barca: i pescatori del luogo di offriranno giri in barca economici e molto suggestivi per poche decine di Euro. Ovviamente la passeggiata verso Nungwi durante la bassa marea, specie al tramonto, merita davvero l’attesa e la piccola fatica per raggiungerla.

Il grande vantaggio di Kendwa (oltre al fatto che si può fare il bagno sempre, sia durante l’alta che durante la bassa marea) è che il sole è quasi sempre presente. Una piccola eccezione possono essere gli acquazzoni, il vento e le nuvole tipiche dei mesi di Giugno e Luglio, ma non si tratta di climi che possono rovinare una vacanza a base di sole, mare e relax.

Gli appassionati di fotografia e di paesaggi mozzafiato di certo apprezzeranno le zone costiere di sabbia bianca, il mare blu acceso, l’orizzonte infinito e le barche di pescatori in attività, che rendono il tutto ancora più pittoresco, in special modo al tramonto.

Se volete assaggiare le delizie della cucina del luogo, non dimenticate di provare i gustosissimi piatti di pesce fresco pescato nel ricco mare circostante. La maggior parte dei ristoranti di Kendwa offre queste specialità a poco prezzo.

Cosa fare e cosa vedere a Kendwa

Le cosa da fare e da vedere a Kendwa sono tante, soprattutto perché da qui è abbastanza facile spostarsi nelle zone circostanti e fare escursioni e gite in tutta Zanzibar.

Nella zona di Kendwa è possibile dedicarsi allo snorkeling, per ammirare il vitale e coloratissimo fondale, ricco di vita e di bellezze sottomarine. Le escursioni sulla barriera corallina con snorkeling nell’acqua cristallina, tra pesci, tartarughe e coralli variopinti, costano poche decine di Euro e valgono decisamente la pena. Scoprirete un mondo nascosto ma pieno di fascino e suggestioni.

Da Kendwa partono anche delle escursioni guidate che raggiungono la zona nord dell’isola di Zanzibar, fino all’isola di Mnemba. Le gite più consigliate ai turisti sono quelle in barca, sulle tradizionali imbarcazioni costruite a Nungwi usando le piante e la vegetazione locale. Per i più avventurosi ci sono anche delle gite i moto o jeep.

Oltre alle aree di costa dove sorgono villaggi, resort ed alberghi extralusso, a Kendwa ci sono anche tratti di spiaggia libera praticamente incontaminata. Per raggiungere questi angoli silenziosi, non toccati da mano umana e non rovinati dalla modernità e dal cemento, vi basterà camminare verso sud e scegliere il vostro rifugio da caos, rumore e problemi.

Una delle escursioni organizzate che la maggior parte dei turisti fanno quando si trovano a Kendwa è la Safari Blue, che comprende, tra le altre cose, una visita alla meravigliosa laguna delle mangrovie, un pranzo sull’isola di Qwale e una sosta presso il cosiddetto “Baobab gigante”. La Safari Blue dura tutto il giorno e non dovrete davvero preoccuparvi di nulla, perché verrete accompagnati nelle zone più belle dell’isola dallo staff.

Lo stesso vale per altri tour ed escursioni organizzate come quella a Nakupenda, una piccola isola proprio di fronte a Stone Town, sulla quale troverete un edificio nato come prigione di quarantena per gli schiavi e tutt’ora presente. Oggi è usato come base per l’allevamento di tartarughe terrestri, a serio rischio di estinzione. Il tour a Nakupenda comprende anche un bagno in mare in uno degli angoli più pittoreschi di Zanzibar: su una lingua di sabbia visibile solo con la bassa marea. Dopo il bagno i partecipanti mangeranno all’aperto un pasto a base di pesce fresco del luogo, grigliato o fritto.

Tra le altre escursioni che vi consigliamo ci sono quella alla Jozani Forest e alla baia dei Delfini, che di solito vengono combinate e sono caldamente suggerite agli appassionati di animali. Stone Town è la città più grande ed importante di Zanzibar e molti tour portano qui: non perdetevela assolutamente! A Stone Town potrete anche visitare la casa natale di Freddi Mercury: una vera chicca. Concludete la vostra vacanza con il tour delle spezie, per immergervi nella storia coloniale del’isola.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>