Posti da vedere

Case arabe dai portali intarsiati, moschee, resti di sontuosi palazzi, coloratissimi mercati, piantagioni di spezie, magnifiche spiagge, foreste ricche di diverse e rare specie vegetali ed animali, vivaci feste tradizionali: al largo della costa orientale della Tanzania, appena sotto la linea dell’Equatore, Zanzibar è un’isola incantatrice che affonda le radici nella millenaria storia africana, ma è anche un paese multietnico e cosmopolita.

Tra le  mete da non perdere di questo luogo magico e fiabesco, spiccano la foresta tropicale di Hozani, le immense piantagioni dell’interno, la spettacolare spiaggia corallina di Kendwa, il villaggio Nungwi per il locali vivaci e informali frequentati da giovani del posto e da viaggiatori da tutto il mondo, i villaggi di Paje e Makunduchi, immersi in una natura selvaggia e incontaminata, e la perla della costa pretale Pwani Mchangani, un piccolo villaggio di pescatori ed artigiani situato  su una lingua di sabbia bianca in riva al mare turchino e trasparente dall’atollo di Mnemba, parco marino protetto dove si possono fare emozionanti immersioni subacquee. Da ammirare: i festeggiamenti rituali della festa Mwaka Kogwa, il capodanno Swahili che si svolge in un giorno del mese di Luglio.

Se siete incerti su cosa fare e cosa vedere, ecco per voi un elenco delle cose e dei luoghi assolutamente da non perdere nell’arcipelago più bello e famoso di tutto l’Oceano Indiano.

Stone Town, la Capitale di Zanzibar. La Capitale di Zanzibar, piena di vita e di caos, è una delle mete imperdibili durante un viaggio nell’arcipelago. Stone Town ha moltissimo da offrire. Noi vi consigliamo di fare una passeggiata nel mercato di Darajani, caratteristico, vibrante e pieno di spunti culturali e culinari. A Stone Town potrete perdervi nelle vie del centro città; ammirare moschee, abitazioni tradizionali arabe e bazar; assaggiare cibi locali e acquistare le famose spezie di Zanzibar.

StoneTown

Foto CC-BY-SA di Wegmann

Nungwi, la spiaggia più affascinante dell’arcipelago. Sulla punta a nord dell’isola, è un piccolo paesino dalla spaiggia che, secondo noi è la spiaggia più bella di Zanzibar. Ci sono numerosi ristorantini dove cenare e diversi locali sulla spiaggia dove terminare le serate in compagnia, magari attorno ad un fuoco. A poca distanza da Nungwi potrete anche raggiungere Kendwa, altra località famosa per la bellezza della sua costa e, sopratutto, per i suoi fondali ricchi di vita e di colori, quindi particolarmente indicata per gli appassionati di immersioni e di snorkeling.

La Foresta di Jozani, riserva naturale che ospita molte specie rare o endemiche. Consigliamo questa Foresta agli appassionati di natura e di animali. Oltre alla maestosa vegetazione tropicale, qui potrete vedere (se siete fortunati) qualche esemplare di Scimmia Colobus (specie endemica) e di Scimmia Sykes. Le possibilità di escursioni e passeggiate nel Parco sono davvero numerose. Non vi resta che scegliere quella che preferite.

Le piantagioni di spezie. Come di certo saprete, Zanzibar è conosciuta anche con il soprannome di “isola delle spezie”. Questo nomignolo è dovuto al fatto che tutto l’arcipelago è stato in passato una delle tappe principali per il commercio di spezie tra l’occidente ed il mondo arabo-asiatico. Uno dei tour che vale la pena fare a Zanzibar (i costi sono abbastanza contenuti) è quello delle piantagioni di spezie. Potrete imparare a conoscere i metodi con i quali le spezie che comunemente usiamo, come zafferano, liquirizia, zenzero, cardamomo, anice, chiodi di garofano e noce moscata, vengono coltivate.

Kendwa Beach

Kendwa Beach

 

Foto CC BY – SA di Zoheb

Kendwa. Situata a nord dell’isola è un’unica immensa spiaggia di sabbia bianca balenabile in tutte le ore della giornata grazie alla quasi assenza delle maree. Chi sceglie di trascorrere una vacanza a Kandwa non sceglie solo la spaiggia ma il luogo, la sua atmosfera contemporaneamente africana ed un pò hippy. E’ una meta per i viaggiatori che non hanno  particolari esigenze di standar alberghiero, con strutture semplici ed essenziali ma ricche di atmosfera. Da non perdere il “full moon party” indimenticabile festa organizzata sulla spiaggia ad ogni luna piena.

Paje. Questo pittoresco villaggio sorge sulla costa orientale di Unguja tra i villaggi di Bwejuu e Jambiani. Un luogo ancorato alla vita passata con la sua popolazione che vive di pesca ed altre attività legate alla tradizione. La sua bellissima spiaggia ha diverse strutture ricettive.

Makunduchi. Imperdibile questa cittadina che  si divide nella parte vecchia che si trova sulla costa e che è un pittoresco villaggio di  pesatori e bella parte nuova che sorge nell’entroterra e dove sorgono diversi edifici pubblici e diversi negozi.
Questo luogo è famoso soprattutto per la festa di “Mwaka Kogwa”, una festa di tradizione persiana e che si celebra il 23 luglio di ogni anno.

Kiwengwa e Pwani Mchangani. Questi due angoli di paradiso, siti sulla costa est, sono caratterizzate da lunghe e belle spiagge di sabbia bianca e dal mare cristallino. Come il resto della costa est sono spiagge influenzate dal forte fenomeno delle maree.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>